HOME PAGE

a cura di RUGgGIO - 2003 

Aggiornato il 10-12-2005

VAI GIŁ

LE FOTO

corlaga_l'arpa.jpg (69800 octets)

La valle del torrente Bagnone e l' Appennino

tino1999.jpg (25776 octets)

Agostino Ghironi

il Pittore

corlaga_ghironi_biagini_barbieri.jpg (58642 octets)

Il Pittore e gli amici di Corlaga

expo_ghironi_1.jpg (25837 octets)

Il vernissage

 

 

V
E
D
I
 

 

L
E
 

 

F
O
T
O
 

 

D
E
I
 

 

Q
U
A
D
R
I
 

 

|
|
|
|
V

L'INCONTRO 

Il primo contatto č avvenuto via internet, dove un certo Ghironi Uber da Toronto, ha informato il cugino Ghironi Agostino, vulgo Tino,  residente a Bruxelles, dell'esistenza del sito "Bagnonemia.it". 

Da questo momento, io ed Agostino abbiamo continuato a perlare di Bagnone, e nel mese di Giugno del 2003 ci siamo incontrati a Bagnone ed abbiamo trascorso matinate assieme facendo "jogging" sulla pista attorno al campo sportivo del paese, di fronte al meraviglioso scenario delle nostre montagne. 

Ed ecco cosa mi ha detto il 5 Febbraio 2003.

 

Egregio Signore,

Sono un anziano discendente di genitori Corlaghesi e sono sempre stato interessato alle mie origini. Sarei molto lieto di conoscere la storia sconosciuta della mia vallata.

Sono emigrato in Belgio dal luglio 1952. Sono nato a Bordighera, nel 1931, perchč i miei genitori, anche loro, avevano emigrato, tanti anni prima, in quel di Monte-Carlo. Ho vissuto a Corlaga dal 1944 fino al 1952. Conosco benissimo i posti e l'intera vallata, ma mi piacerebbe conoscere approfondire la storia del luogo e se possibile della Gente. 

La ringrazio di tutto cuore se Lei potesse darmi modo di accedere alla informazioni esistenti.

Gliene sono sinceramente riconoscente in anticipo.

In attesa, gradisca i miei pił sinceri saluti.

GHIRONI  Agostino

Ed ancora, il 7 Febbraio 2003 mi risponde cosģ:

 

Egregio Sig. RUGGERI,

La ringrazio per il suo rapido mail del 5 c.m., e ci voglia scusare mio cugino Uber ed io, se le abbiamo involontariamente complicato la vita ! Non č mica di tutti i giorni di incontrare, da una parte o dall'altra parte del mondo, qualcuno che č di Bagnone e che ne parla (scrive) appassionatamente ! e che ci tiene a farlo sapere !

Noi, siamo due cugini, lui (Uber) molto pił giovane; io, pił anziano; di origine Corlaghese, dello stesso ramo dei Ghironi di Cą d'Barnabo'. 

Lui, (Uber) vive con la sua famiglia a Toronto, (non so' da quanti anni); io, vivo con la mia famiglia a Bruxelles e ci sentiamo spesso via mail o ci ritroviamo di tanto in tanto a Corlaga. E' lui che mi ha indicato il 4 c.m. la presenza  su Internet di un indirizzo sul quale la storia di Bagnone, del Bagnonese e dei Bagnonesi era raccontata in maniera interessante. E dunque ne ho voluto approfittare subito anch'io !

Ho' gią stampato tutti i 18 fascicoli del suo "GARGUGLIONE ", gią visitato il magnifico "MIO PAESE" e ammirato gli "scarabocchi meravigliosi di Ugo LEVITI. Mi dispiace di non aver potuto accedere agli altri libri, in particolare, aprire "Cinquant'anni fą c'ero anch'io". Normale che sia riuscito a leggere ? Questo scritto m'interessa moltissimo. Come posso fare per accedervi ?

Gią mi sono letto velocemente certi punti di certi fascicoli e mi sto' organizzando per approfondire questo eccellente lavoro, per il quale tengo a farLe mille sinceri complimenti per l'intensa passione che ha trasmesso a questa Sua ricerca e compilazione della storia di quel punto geografico particolare che č Bagnone e la sua vallata chiusa (mi rammento quando la strada carrozzabile, per andare a Vico, si fermava alla chiesa di Corlaga ! ), fin dove č stato possibile rintracciarla.

Anch'io sapevo tante cose, ma non cosi tante come Lei č riuscito a raccogliere e a mettere insieme in un solo volume, nel quale si sente palpitare il cuore.

La ringrazio personalmente per questo meraviglioso lavoro ed anche a nome si tutte quelle persone"nostrane" o "forestiere" che attraverso "IL GARGUGLIONE", potranno scoprire ed amare il "nostro paese", cosi com'č !

E' da molti anni che cercavo di risalire la corrente e di sapere qualcosa.  Grazie infinite di avermene dato  la possibilitą.

Il Franceso che Lei ha conosciuto, essendo un GHIRONI, doveva per forza, ad un certo punto, essere un mio parente, ma non l'ho mai saputo con precisione. Era una persona perbene che ho sempre apprezzato, come pure sua moglie, la Osvalda, per la quale avevo una profonda ammirazione per le sue qualitą umane.

In quanto al nome RUGGERI, non č che mi sia sconosciuto (so' che a Bagnone ce ne sono molti), ma sono passati tanti di quegli anni che qualcosa ho dimenticato. Pero', rammento che negli anni dal 47 al 50, giocavo al calcio, in porta, e spesso, sul vecchio campo sportivo mi capitava di giocare in allenamento, con  i giovani del Bagnone, e mi sembra ricordare che ci fosse anche un RUGGERI, pił o meno della mia etą.

CORLAGA per me č importante perchč i miei genitori escono di li. Ci sono rimasto dal l'inizio del 44 (aveco 13 anni) fino al giugno del 52. Mio padre era dei GHIRONI di Cą d'Barnabo', mia madre era dei SANTINI della Costa. Pił Corlaghesi di cosi ? Eppure, cercando di ricostruire il filo, non sono riuscito ad andare oltre ai nomi di famiglia dei miei nonni paterni e materni, che non ho avuto la fortuna di conoscere. Dunque ho potuto percorere  pochissima strada.

Allora mi accontento di mantenere accesa la fiamma della memoria e della nostalgia, disegnandoli, pitturandoli e  scolpendoli i "miei posti", con molta umiltą, e queste attivitą riescono ą riempire un po' il vuoto e la lontananza dal paese. Ogni volta che li guardo, da solo, o con amici, č sempre una occasione di ripensare o di parlarne, anche con passione...

Con  Corlaga mantengo particolari, fraterni e affettuosi contatti con Ezio e Antonio LOMBARDI (miei cugini),Giancarlo e Giorgio BIAGINI, Angelo GHELFI, tutti i miei parenti dei Santini e dei Ghironi e tutta le persone che hanno pił o meno la mia etą.          

 Da molti anni, anch'io faccio un salto laggiu', per ritemprarmi negli affetti e nel dialetto del posto ! A questo proposito, Le sarei grato di indicarmi se esiste un indirizzo elettronico dove si possono trovare i testi dialettali di Egisto VESCHI (mio vecchio e caro amico). In questi ultimissimi anni ho avuto qualche rogna di salute e mi devo di stare pił attento. Generalmente mi faccio vivo, in zona, verso fine maggio/giugno, nel frattempo sono in frequente contatto con Ezio.

Per gli umili lavoretti che realizzo, non penso che valgano la pena di darsi da fare ad esporli. Ad ogni modo ne riparleremo dopo aver visto, tramite é-mail la serie di lavori che la nostra valle mi suscita.

Anch'io ho avuto tanto piacere "sympatico.ca" contatto e spero che avremo ancora occasione di sentirci. Nel frattempo Le auguro tante belle cose e tanta buona salute, a Lei ed alla sua Famiglia.

Molto cordialmente.

GHIRONI Agostino.

Dopo una lunga corrispondenza e l'invio di quadri da Lui dipinti e raffiguranti i nostri luoghi d'origine, Agostino mi ha spedito il suo Curriculum Vitae, che trascrivo.

Sono semplicemente un compaesano di cuore di tutti e tutto quello che succede al mio paese ed alla Sua Gente ... (non l'Italia, in quanto Nazione, ma Corlaga e d'intorni...), nel passato come  nel presente, mi tocca nel pił profondo dell'animo.

Finalmente me ne sono andato da Corlaga un giorno di luglio del 52 (non ricordo la data esatta), dopo aver salutato mia Madre. Prima di lasciare il Camposanto, raccolsi une piccola zolla di terra umida sulla sua tomba, la strinsi in mano, la misi in tasca e me andai. Scendendo lungo il selciato della Costa di Corlaga, inciampai sł della vecchie pietre libere, ne raccolsi due, che misi in tasca. Sono oggi pił di mezzo secolo che questi oggetti insignificanti (ma Sacri , per me...)  sono in permanenza con me, sempre in vicinanza, (50 cm.) come a proteggermi, sorreggermi, incoraggiarmi, darmi un influsso energetico qualsiasi riconfortante. Come uno di quegli strani cataplasmi di quei tempi lą...

Quale mestiere il mio?

In realtą, come molti dei nostri, non ho avuto la fortuna di imparare un mestiere, neanche quello di mio Padre che era un ebenista. Ma ne ho fatti tanti e tutti diversi.

Essendo di natura un entusiasta, direi che tutte queste attivitą, anche le pił umili, mi hanno arricchito (non nel senso dei soldi), ed ho potuto scoprirmi, capace di risolvere positivamente tanti problemi per i quali non ero stato preparato. Sopratutto quando mi riferisco al tempo e alla strada percorsa dal momento (febbraio 53), dove ero invitato a lasciare il Belgio, perchč illegalmente residente (ero venuto con un passaporto da turista, per stare un po' con mio fratello e vedere se c'era una via d'uscita), al giugno 93, dove lo stesso Belgio mi considerava come persona grata, concedendomi un brevetto ufficiale a nome di Baldovino. Fra un momento (drammatico, il primo) e l'altro (pił civile ed anche pił sorridente), ci sono passati sopra 40 anni.  Anche questo fatterello mi rimane come un insegnamento di quanto tutto sia relativo.   

In marzo del 96, quando presi la pensione (in belgio si vą in pensione a 65 anni), ero sorpreso di costatare che da quando ero in Belgio non avevo mai cessato di lavorare ( tranne per motivi di salute), mai stato un solo giorno "disoccupato".

Per uno "straniero" si puo' dire che il fatto sia un po' strano, sopratutto con i tempi che corrono. Tanto meglio cosi.  Cio' significa che tutto č possibile.

Concretamente č successo che ho passato :

3 anni con una famiglia nobile belga, da domestico;

20 anni con la Soc. Ercole MARELLI S.p.A., da impiegato e responsabile tecnico-commerciale (elettroventilatori - elettropompe - motori elettrici);

21 anni con la S.A. TICINO BELGE, da impiegato e direttore dell'azienda, (materiale elettrico di installazione).

Da quando non ho' pił alcuna attivitą produttiva, mi sono ritrovato con me stesso e con la possibilitą  di esprimere le mie aspirazioni interne, anche se molto modestamente, che non avevo potuto esercitare prima.

Per completare un po' la mia storiella, mi debbo di aggiungere che a settembre 52 conobbi una giovane ragazza belga, che sposai nel 56, con la quale ho avuto 3 figlie, che mi hanno fatto nonno cinque volte !

Ho scoperto (ancora una scoperta positiva) che l'esser nonno sia  un bellissimo mestiere. Grazie a Dio, mia moglie č sempre al mio fianco ed č stata preziosissima in certi momenti.

 Č chiaro che se Le capitasse di doversi fermare a Zaventhem, per un qualsiasi motivo, me lo faccia sapere, anche per telefono (02/345.41.26). Il piacere sarą mio di incontrarLa e di passare qualche momento assieme.

La saluto molto cordialmente.

GHIRONI Agostino

Foto della Mostra  "AL VAL"

Rassegna etnico-culturale

al_val_01.jpg (35344 octets) al_val_02.jpg (43624 octets) al_val_03.jpg (38324 octets) al_val_04.jpg (40264 octets)

Contemporaneamente alla  Mostra etnico-culturale "AL VAL", tenuta a cura del Centro di Cultura Bagnonese, nel mese di Agosto del 2003, nella Sala Consiliare del Comune, in Piazza Roma,1 a Bagnone, il pittore Agostino Ghironi di origini bagnonesi č stato l'espositore ospite con i suoi quadri, come figurano qui di seguito catalogati.

expo_ghironi_2.jpg (32141 octets)

Vernissage 

dal 13 al 17 Agosto 2003

Sala Consiliare a Bagnone

expo_ghironi_3.jpg (37110 octets)

LE  OPERE  ESPOSTE

bagnone_il_castello_ordinatore.jpg (84062 octets)

Bagnone al Castel

Bagnone_ponte_nuovo.jpg (103013 octets)

 Dal Pont nuovo

corlaga_agnetta.jpg (67492 octets)

Agneta

corlaga_la_cesa.jpg (61438 octets)

La cesa

corlaga_al_lavador.jpg (66026 octets)

Al  lavador

corlaga_ca_d'barnabņ.jpg (69746 octets)

Cą d' Barnabņ

corlaga_al_gradil.jpg (73922 octets)

Al gradil

corlaga_cą_d'verni_stazzon.jpg (85009 octets)

Cą d' Verni

corlaga_castagni_ad_vik_02.jpg (82472 octets)
I castagni ad Vik 
corlaga_castello_bagnone_01.jpg (101576 octets)

Al castel da ovest

corlaga_castello_bagnone_03.jpg (86637 octets)

Al castel 

corlaga_panorama.jpg (78282 octets)

Corlaga panorama

corlaga_fontana_stazon.jpg (62562 octets)

Fontana a  Stazon

corlaga_i_teci_d'_leugiu.jpg (59562 octets)

I teci ad Leugiu

corlaga_il_re_di_valle.jpg (75043 octets)

Al  Re d' Val

corlaga_la_cavana.jpg (73221 octets)

La cavana

corlaga_la_mora.jpg (75690 octets)

La mora

corlaga_l'arpa.jpg (69800 octets)

L'arpa

corlaga_sguardo_sull'arpa.jpg (51057 octets)

Sguardu su l' arpa

castel_bagnone_la_fola.jpg (55060 octets)

La Fola dal Castel

corlaga_al_pont_ad_vik.jpg (44893 octets)
Al pont ad Vik
corlaga_porta_dal_gradil.jpg (46312 octets)

Porta dal gradil

corlaga_il_borgo_di_bagnone.jpg (101329 octets)

Borgu ad Bagnon 

corlaga_molin_d'iera.jpg (49333 octets)

I molin d' Iera

corlaga_la_cesa.jpg (61438 octets)

La cesa da luntan

corlaga_castello_torre02.jpg (36937 octets)

 La tora

corlaga_castello_torre01.jpg (55423 octets)

Castel  Corlaga 

corlaga_castello_bagnone_02.jpg (51657 octets)

Porton  San Roc

Scrivi a RUGgGIO

PER VEDERE ALTRE PITTURE FAI IL 

Scrivi al Pittore

TORNA IN ALTO