Il monumento ai Caduti

Il 20 Luglio 1930 venne inaugurato il Monumento ai Caduti della grande guerra 1915-1918. Fa parte del Monumento e quindi dell’inaugurazione, la statua in bronzo, opera dello scultore Prof. Fausto Corsini di Siena, riproducente la Vittoria alata, la Nike di Samotracia esistente nel museo del Louvre a Parigi e completata della testa e delle braccia. 

Il Monumento ai caduti in Piazza Roma a Bagnone

Qui sopra il bellissimo portico in arenaria, scolpito da un folto numero di maestri scalpellini diretti dal Cavaliere del Lavoro Francesco Pretari di Bagnone (1861-1951) e dalle sue maestranze d’aiuto, la piazza adiacente sostenuta da forti bastioni ed il viale che si estende fino a San Rocco con l’ardito allargamento della  sede stradale.

Ai lati della Vittoria, è incisa in bronzo la seguente dedica:

 

"NEL NOME SACRO DEI CONCITTADINI CHE COL FIGLIO SUO LORENZO DIVISERO IL SACRIFICIO EROICO AD UN'ITALIA PIÙ GRANDE, FERDINANDO QUARTIERI 

IDEÒ ED ERESSE".

monumento_caduti.jpg (34147 octets)

 

Monumento ai caduti di tutte le guerre

 in Piazza Roma.

"IERI  TUO  SANGUE,  OGGI  TUA  GLORIA. 

APUA  MADRE".

Ampio porticato in pietra arenaria

costruito nel 1929. Tra gli archi gli stemmi dei comuni di Lunigiana.

monumento_vittoria.jpg (17258 octets)

 

Particolare della Vittoria alata, copia della Vittoria di Samotracia, con la ricostruzione delle braccia e della testa.

vittoria_samotracia01.jpg (22386 octets)

La Nike del Louvre a Parigi.

monumento02.jpg (42918 octets)
"La Nike (Vittoria) di Samotracia" ritrovata nel 1863 a Samotracia senza testa né braccia (soltanto una mano fu ritrovata nel 1950), viene datata intorno al 190 a.C., epoca in cui i Rodiensi, in guerra contro Antioco III, riportarono una serie di vittorie. La Nike doveva essere collocata sulla prua della nave che ella conduce al successo: il vento la colpisce in pieno, agitando le vesti e incollandole al corpo. Il drappeggio appare quasi barocco, il che giustifica la data piuttosto tardiva attribuita all'opera, ed il vento spinge indietro con forza le ali. Alta m. 2,75, in marmo di Paros, è senza dubbio una delle opere più importanti e sensazionali di tutta la produzione plastica ellenistica.
Altri munumenti
ponte_degli_alpini.jpg (53099 octets)

Ponte degli Alpini

Monumento_Quartieri.jpg (28389 octets)

All'Ing. Ferdinando Quartieri

senatore del Regno

6-01-1865   *   31-03-1936

Sagace stipulatore della pace adriatica

Della grande industria chimica

insigne pioniere

Della dolce vallata natia

con tenero e figliale affetto pensoso

I cittadini  A.D. 1940

cippo_agli_alpini.jpg (58262 octets)

Cippo agli Alpini

monumento mons rosa.jpg (22877 octets)

Mons. Luigi Rosa Vescovo di Bagnoregio, dove c'è il busto.

cippo_aeronautica.jpg (66742 octets)

Cippo Aeronautica

IERI  TUO  SANGUE  OGGI  TUA  GLORIA.  APUA MADRE