HOME PAGE

Pubblicato il 30 octobre 2008

VAI GIU'

A CHI LEGGE

Storie gaie e storie tristi: come l'anima di questa vecchia terra di Valdimagra.

Figure e scorci, colti dal vero, vicende e racconti uditi dalla viva voce di qualche narratore paesano, a veglia, durante le lunghe sere invernali o, tra un bicchiere e l'altro, in liete brigate d'amici.

Ho rievocato quelle figure, ritratto quegli scorci, narrato quelle vicende, riprodotto quei racconti, in queste pagine, scritte, volta a volta, in qualche ora perduta, più per svago dello spirito, che per fare opera d'arte.

Non hanno, quindi, nessuna pretesa letteraria.

Pubblicandole, ora, le dedico all'umile gente della mia terra, laboriosa in pace ed eroica in guerra, quando l'Italia era suscitatrice di opere feconde e di gesta gloriose.

Ma l'Italia risorgerà!

Capodanno 1944

P. DA PONTELUNGO

 

L'ENIGMA

Durante il mio lungo e piacevole lavoro di ricerca, per comporre "bagnonemia", ho avuto tantissime soddisfazioni culturali, che non riesco a tramandare ai posteri perchè difficili da ritrovare,  perchè sbadatamente non le ho, di volta in volta, appuntate su di un quaderno, per poterle ritrovare oggi tutte assieme.

Però, devo dire che ho potuto scrivere di volta in volta, la vera storia del mio territorio, avvalendomi di tutto quello che ho trovato, scritto dai miei predecessori, o lasciato in qualche vecchio libro abbandonato sotto uno strato di polvere, che ho potuto casualmente consultare e permettere così di documentarmi.

Oggi, "bagnonemia" , se pur redatta alla rinfusa, senza un preciso ordine cronologico dei vari argomenti trattati, è pubblicata nel web del mondo intero ed è a disposizioni di tutti.

Peccato, che questo mio lavoro, durato già da oltre undici anni, non sia preso nella dovuta considerazione dagli Amministratori d'oggi, perchè alla cultura ed alla verità che tramando alle generazioni future, preferiscono la loro sporca politica con le loro menzogne, con il solo scopo venale, quello di mantenere la loro posizione che apporta loro solo benefici economici.

In questo lavoro di ricerca, con l'aiuto di validi bibliotecari di Bagnone, sono riuscito, dopo una lunga attesa, ad avere queste bellissime "Novelle" a firma di un certo P. Da Pontelungo, che io ho potuto consultare e leggere, e che con certezza ne confermo la paternità dell'opera al Dott. Pietro Ferrari di Filattiera, che non ha voluto, per sua volontà e per sua modestia, firmarla, lasciandocela sotto lo pseudonimo P. Da Pontelungo.

 

CHI É L'AUTORE

PIETRO FERRARI - medico, agricoltore, storico e novelliere.

Ferrari Pietro Francesco nacque a Filattiera il 28 Maggio1874, morì a Filattiera durante la seconda guerra mondiale, della quale non ne vide la fine, all'età di 71 anni, all'alba del 1 febbraio 1945, volgendo l'ultimo sguardo alla sorella Maria che le era sempre stata vicino.

Pietro Ferrari compì gli studi ginnasiali a Pontremoli, quelli liceali a Massa, gli universitari a Parma, conseguendo nel 1899 la laurea in medicina come il fratello Carlo, secondo la tradizione di famiglia.

Gli ideali paterni vennero seguiti puntualmente anche nella scelta della professione. Il padre Dott. Mario Ferrari, appena laureato, corse volontario a curare i colerosi in Ancona durante la pandemia del 1865, e che nel 1866 si arruolò volontario nella sanità militare in occasione della guerra italo austriaca combattuta in terra lombarda, e finì poi per sposarsi e svolgere in Filattiera l'attività professionale di medico condotto.

Pietro Ferrari, solo un anno prima della sua morte, nel 1944, darà alle stampe questo suo ultimo lavoro che, qui, ho riprodotto, a beneficio dei posteri.

Nei suoi racconti, visualizza l'azione dei suoi personaggi in vari lughi della Lunigiana, e i nomi sono stati da lui mascherati volutamente, ed io nel leggere quiesti suoi avvenimenti, ho potute anche identificare quasi tutti i luogi, che trascrivo a beneficio dei giovani.  

Bagnoro

- Sta per Bagnone, capoluogo del comune, in Lunigiana.

Pontelungo

- Sta per Pontremoli, capoluogo del comune, in         Lunigiana.

Rocca Ventosa

- Sta per Rocca Sigillina, frazione del comune di Filattiera.

Valle della Cravia

- Sta per Valle del torrente Caprio, a nord di Filattiera.

Ponte del Cuccarello

- Nome del ponte a Valle della Rocca Sigillina, che attraversa il torrente Caprio. 

Grappoli

- Sta per Groppoli, in comune di Mulazzo, sulla sponda destra del fiume Magra.

Cravi

- Stà per Caprio, frazione del comune di Filattiera.

Quercetoli

- Sta per Scorcetoli, frazione del comune di Filattiera.

Serraverde

- Sta per Serravalle, frazione del Comune di Filattiera.

Filantiera

- Sta per Filattiera, capoluogo del cumune, in Lunigiana.

Monteliscio

- Una località in comune di Filattiera

Collefino

- Sta per Collesino, frazione del comune di Bagnone.  

Gròndona

- Sta per Grondola, frazione di Pontremoli.

Cerri

- Cerri, case sparse in comune di Filattiera.

Rancovecchio

- Rancovecchio, luogo non meglio identificato.

  Sono i nomi dei luoghi menzionati dal Ferrari nei suoi racconti.

Per maggiori informazioni vedi:  www.Ferrari_Pietro_storico.htm

 

INDICE DELLE NOVELLE

1 - Il vino di Alturano

  9 - Una burla a Don Carlo

2 - La ricetta dei testaroli

10 - Il Marchese di Collefino

3 - Il Molino del piano

11 - A tavola non s'invecchia

4 - Figure d'altri tempi

12 - Vecchi soldati

5 - Osterie

13 - Il basilisco

6 - Un passaggio difficile

14 - Giovanni dal Suel

7 - L'Asino di Taddeo

15 - Il medico di Cerri

8 - L'ultimo dei Breganti

 

E-mail

Pubblicato il 4 ottobre 2008

TORNA SU