HOME PAGE Aggiornato il 10 novembre, 2008 VAI GIŲ
Foto
Manifesto_Wells.jpg (46001 octets)
stewe thomas

Tutto č iniziato quando una mia conoscente che abita ad  Ottawa mi ha inviato per posta elettronica le fotografie della Via Crucis, dicendomi chefile:///C:/Documents and Settings/Giovanni/Mes documents/default_ficher/default.htm anche Lei le aveva ricevute tramite i "Radio Amatori" dei quali Lei č una associata, ma senza ulteriori informazioni e spiegazioni.

Io ho, a mia volta, inviato il tutto a Patrizia di Cartantica.it, la quale ha trovato chi, e cosė č stata informata sull'opera sconosciuta, dopo di che mi ha inviato le notizie che ha potuto trovare.

L'area in cui sono state edificate le stazioni della Via Crucis, č segnalata da un'alta croce che si staglia nel cielo terso del Texas, e che si puō vedere da tanti chilometri di distanza lungo la strada n. 66; quest'opera di notte, essendo illuminata, risplende come un faro.

Ideata da Stewe Thomas di Pampa, nel Texas (USA) nel 1995; si racconta che, disgustato dai numerosi cartelloni pubblicitari piuttosto osč, che si incontravano lungo la strada, avrebbe voluto sostituirli con altrettanti cartelloni che suggerissero ben altri ideali, con dei versetti della Bibbia. Ma era incerto su quali citazioni usare e come sceglierli per far riflettere i passanti distratti.

Cosė pensō di alzare una Croce altissima, anzi la pių alta esistente in quella parte di mondo; la sua costruzione č costata mesi di faticoso e lungo lavoro. Non č stato semplice assemblare insieme tutte le parti della pesantissima struttura, tenendo conto che la ditta costruttrice risiedeva a 60 chilometri di distanza.

Mano a mano che la struttura prendeva forma, Stewe e la sua famiglia, che si erano lanciati in questa impresa con molto timmore, si sentivano vicini alla realizzazione del loro progetto. Sogno che si č concretizzato, anzi si č dilatato sino a prevedere la realizzare di altre opere: la Via Crucis, composta da moltissime statue in bronzo, realizzate in grandezza naturale dallo scultore Mickey Wells, poi una replica del Calvario, poi il sepolcro dove venne deposto Gesų ed un memoriale per i bambini mai nati.

   
 

Bringing life to bronze is Mickey Wells' passion. With skilled hands and an eye for detail, Mickey Wells has personally crafted the pieces shown on this web-site.

Mickey Wells sculpts, molds and casts sculptures at his own foundry, Southwest Bronze Studio, located in Amarillo,Texas. A sculpture by Mickey Wells is trully by Mickey Wells.

After years of prayer, research and hard work, Mickey's first series of sculptures depicting the stations of the cross, have been completed. All of the sculptures are offered as limited editions by figure, partial station or by complete station(s).

 
Clicca sulle piccole immagini per ingrandirle.
image003.jpg (62335 octets) image016.jpg (61163 octets) image020.jpg (71910 octets) image002.jpg (59307 octets) image017.jpg (102037 octets)
L'Eucaristia La Croce illuminata. Erode e Pilato Il Calvario Le fonti della vita.
LA VIA CRUCIS
image014.jpg (71846 octets) image005.jpg (62385 octets) image006.jpg (62965 octets) image007.jpg (62495 octets) image010.jpg (76609 octets)

I STAZIONE

Gesų č condannato a morte.

II STAZIONE

Gesų č caricato della Croce.

III STAZIONE

Gesų Cade la

 prima volta.

IV STAZIONE

Gesų incontra la sua SS. Madre.

V STAZIONE

Gesų č aiutato dal Cireneo

image009.jpg (74917 octets) image008.jpg (62116 octets) image011.jpg (77521 octets) image012.jpg (86558 octets) image013.jpg (79367 octets)

VI STAZIONE

La Veronica asciuga il volto di Gesų.

VII STAZIONE

Gesų cade la seconda volta.

VIII STAZIONE

Gesų incontra le Pie Donne

IX STAZIONE

Gesų cade la

terza volta.

X STAZIONE

Gesų č spogliato delle sue vesti.

image004.jpg (62641 octets) image001.jpg (59476 octets) image015.jpg (102543 octets) image018.jpg (79524 octets) image019.jpg (76645 octets)

XI STAZIONE

Gesų inchiodato sulla Croce.

XII STAZIONE

Gesų muore sulla Croce.

XIII STAZIONE

Gesų č deposto dalla Croce.

XIV STAZIONE

Gesų č deposto

nel sepolcro.

L'interno del Sepolcro.

E-mail Pubblicato il 14 ottobre, 2008 TORNA SU